Salta al contenuto Salta al piè di pagina

Negramaro: Dal Sud Italia alla Conquista il Mondo

Salve, appassionati di vino! Preparatevi a scoprire il Negramaro, un vitigno robusto e ricco di storia, che si è radicato profondamente nelle terre del sud Italia. Attraverso questo viaggio, esploreremo non solo le caratteristiche uniche del vitigno e del vino che produce, ma anche le zone di coltivazione, aneddoti interessanti e i migliori abbinamenti culinari.

Storia del Negramaro Il Negramaro, la cui etimologia potrebbe derivare da “nero” e “amaro”, è un vitigno che affonda le sue radici nella magnifica regione della Puglia, in particolare nel Salento, cuore pulsante della sua produzione. Coltivato in queste terre da secoli, il Negramaro è parte integrante della cultura e del paesaggio vitivinicolo locale.

Caratteristiche del Vitigno Il Negramaro è noto per la sua buona resistenza alle condizioni climatiche aride e calde del sud Italia. Le viti, vigorose e robuste, producono grappoli compatti di uve scure e ricche di succo, che si traducono in vini intensi e caratteristici.

Caratteristiche del Vino Il vino Negramaro è apprezzato per il suo profilo organolettico intenso e complesso. Tipicamente, presenta note di frutti rossi maturi, spezie, e una leggera amarezza che ricorda il suo nome. Il colore è un rosso profondo, quasi inchiostro, con riflessi violacei.

Zone di Produzione Sebbene il Negramaro sia strettamente legato al Salento, la sua fama ha travalicato i confini italiani. 

Lo troviamo in 

  • Puglia: che è la patria del Negroamaro, in particolare la zona del Salento, che comprende le province di Lecce, Brindisi e Taranto. Qui, il Negroamaro è spesso utilizzato in blend con il Malvasia Nera, ma si trova anche in purezza nei vini DOC come il Salice Salentino e il Copertino.

Nel resto del mondo lo troviamo in

  • Australia: Negli ultimi anni, alcuni produttori australiani hanno iniziato a sperimentare con il Negroamaro, attratti dalla sua resistenza ai climi caldi e dalla sua capacità di produrre vini di qualità.
  • Stati Uniti: In California, il Negroamaro è ancora una novità, ma alcuni vignaioli visionari stanno iniziando a coltivarlo, apprezzandone le caratteristiche uniche.

Aneddoti e Celebrità Un interessante aneddoto riguarda il famoso cantautore italiano, Fabrizio De André, che ammirava i vini robusti e intensi, e si dice che avesse un debole per il Negramaro. Le sue canzoni, intense e profonde, sembrano riflettere le stesse qualità di questo vino.

Il Negramaro e l’Archetipo Nel teatro degli archetipi, il Negramaro potrebbe essere paragonato al “guerriero”, per la sua robustezza e la sua capacità di resistere e prosperare nei terreni aridi del sud Italia, mostrando forza e vigore.

Cocktail con Negramaro Sebbene tradizionalmente consumato puro, il Negramaro può essere sorprendentemente versatile anche in mixologia ad esempio con il Negramaro Sour

Abbinamenti Culinari

Ecco alcuni esempi di abbinamenti

  1. Italiano: Orecchiette con ragù di braciole, un piatto ricco e saporito che complementa perfettamente la struttura del Negramaro.
  2. Italiano: Parmigiana di melanzane, dove la dolcezza delle melanzane e la ricchezza del sugo di pomodoro si sposano con l’intensità del vino.
  3. Internazionale: Tacos al barbacoa, dove le spezie e la carne succulenta si abbinano splendidamente con la robustezza e le note speziate del Negramaro.

Conclusione Il Negramaro è più di un vino; è un simbolo di resistenza, tradizione e passione. Che siate novizi o esperti del mondo enologico, c’è sempre qualcosa di nuovo e affascinante da scoprire in ogni bicchiere di Negramaro. Allora, perché non versarne un po’ e brindare alla vita, all’amore e alla resilienza?